Per #unbuonmotivo

di

Campagna social per promuovere il Made in Italy e le aziende vinicole italiane.

Reduce da una intensa riflessione sulle numerose cantine che ogni giorno si impegnano per valorizzare il proprio territorio, prendendosi cura con amore e fatica dei frutti dei loro preziosi vigneti, ho sentito la necessità di voler aiutare ulteriormente realtà vitivinicole più o meno rinomate a rivelare il loro intenso lavoro mediante una campagna sui social dal titolo: “Un buon motivo”.

Tra gli obiettivi:

- coinvolgere piccole e grandi aziende a postare/twittare una immagine che potesse rappresentare l’azienda stessa (fotografia di un’etichetta, uno scorcio di vigna, un grappolo d’uva, ecc) e specificare #unbuonmotivo per degustare o salvaguardare tale ricchezza;

- dare più visibilità attraverso il “word of mouth” dirompente dei canali social;

- far conoscere nuove etichette agli appassionati o ai consumatori occasionali di vino;

- spingere i connazionali a riscoprire le bellezze del nostro territorio;

- promuovere un consumo responsabile del vino;

- esaltare i benefici di un calice di vino nonchè l’aspetto sociale e goliardico del simposio.

Qualche settimana fa ho testato il terreno, ottenendo già soddisfacenti risultati.

Ringrazio wine/foodblogger e i giornalisti che hanno accolto con entusiasmo la nostra iniziativa: @CinziaBonf, @insolitamente, @DPatroncini, @cinziatosini, @amthewinersclub e molti altri ancora. Un ringraziamento speciale lo riservo alle mie colleghe del Master Snid del Politecnico di Milano, sempre pronte a sostenermi e a lanciarsi in nuove sfide sul web: @ErikaGiamb, @alemistretta9, @gaiaelenapucci, @AnitaBruni.

    La lista sarebbe ancora molto lunga ma non voglio dilungarmi ulteriormente.

Ultimi tips per aderire a questa campagna che durerà per tutto il mese di Marzo:

- scegliere foto nitide e di qualità
- scrivere una frase che rappresenti il “core business” della vostra azienda
- non dimenticare l’hashtag #unbuonmotivo
- citare @ideavino_net

Sbizzaretevi e buon divertimento!

Commenta l'articolo