Regali anti-crisi per un Buon Natale

di

Vino a Natale 2013

Anche quest’anno il Natale sta arrivando ma la crisi ha già alleggerito i portafogli delle famiglie.
Pensare ai regali, quindi, può diventare frustrante…così noi di Ideavino abbiamo deciso di consigliarvi e ovviamente ribadire quanto può essere gradito ricevere in dono del vino.

Il vino italiano, escludendo i grandi nomi, ha prezzi molto abbordabili e può dare delle ottime soddisfazioni; a differenza dei vini stranieri, infatti, in Italia per bere bene non serve spendere cifre esorbitanti. Una buona bottiglia di vino quindi può essere un regalo gradito, a basso costo e di valore.

Un’idea per avere la certezza della qualità ma non svuotare troppo il portafoglio è fare i propri acquisti alla locale cantina sociale o presso cooperative di produzione.
I conferitori di queste realtà sono piccoli produttori della zona che devono aderire alle regole di coltivazione stabilite e la vinificazione avviene generalmente sempre seguendo protocolli di qualità e sicurezza. Non si corre sicuramente il rischio di comprare acqua zuccherata!
Quello che non va sottovalutato poi è che queste realtà rappresentano in toto il proprio territorio, che rimane ormai una delle poche ricchezza in Italia e che dobbiamo quindi sostenere e promuovere. La nostra cultura, le nostre tradizioni sono conosciute ed amate in tutto il mondo e noi per primi dovremmo approfittare di questa opportunità…potrebbe rivelarsi una chance per il nostro futuro.
Negli spacci che ormai tutte queste realtà hanno aperto, è possibile trovare dal vino ad un prezzo modico a bottiglia (sempre però prodotto in modo genuino e controllato) fino alle bottiglie di qualità superiore e di prezzo comunque sempre ragionevole. Molto spesso negli scaffali si trovano anche altri prodotti locali quali olio o riso e altre eccellenze dell’agricoltura locale. Quest’anno quindi regaliamo un po’ di territorio!

E l’augurio di Buon Natale, con la speranza che il nuovo anno porti serenità e allegria, da tutto il team di Ideavino.

Commenta l'articolo