Wine Italy Tour Heres…un viaggio nel gusto.

di

Heres Wine Italy Tour

Il team di IdeaVino ha avuto l’onore di essere invitato all’evento Wine Italy Tour Heres organizzato da Heres, società specializzata nell’erogazione di servizi per il mercato del vino.

L’evento si è svolto presso Eataly a Roma. Heres si prefigge come obiettivo quello di mirare alla diffusione di prodotti di qualità nel settore vinicolo, adottando dunque un taglio esclusivamente commerciale, pur non tralasciando la passione e l’estrema competenza nel settore. Per Heres il vino è semplicemente uno “specchio dell’anima”, uno specchio che ha lo scopo di raccontare la propria visione: connubio di tradizione e lavoro.

Banco Heres Italy a Roma

 

La scelta del campione di degustazione delle etichette non si è basato solo su una scelta di gusto…in sala era evidente e a dir poco disorientante l’ampio assortimento.

Il mio percorso degustativo ha avuto inizio sorseggiando lo champagne Pol Roger di gradazione 12,5% e con un gusto più forte rispetto al normale champagne.

A seguire inevitabilmente il banco della Sicilia con l’azienda Marco de Bartoli . Il produttore ha illustrato brevemente la storia della sua azienda sorta nei primi anni 80’ in una terra alquanto affascinante, Pantelleria. Dopo la breve parentesi aneddotica mi è stato offerto un sorso di Pietranera, vino bianco, 100% Zibibbo. Un vino secco con un intenso complesso aromatico e con una gradazione di un 11,5%.

Successivamente ho degustato i Grappoli del Grillo, il vino Catarratto più diffuso in Sicilia. Si tratta di un vino bianco da tavola, coltivato a Marsala, che colpisce non solo per il suo sapore fresco e aromatico, ma anche per il suo piacevole profumo di fiori bianchi. Insomma, gradevole al gusto e all’olfatto.

Impossibile trascurare l’angolo Villa Zarri. Il produttore ha evidenziato la “naturalità” dei suoi prodotti senza l’uso di alcun aromatizzante. Sul banchetto ho trovato esposto anche il profumo “Villa Zarri Eau de Parfum”, un profumo che nasce dal Brandy. Si tratta di un miscuglio di note di tabacco e legno, vellutato da spezie quali vaniglia, arancio, sandalo e pare venga utilizzato nell’aromaterapia al fine di stimolare la circolazione. Il Brandy ha diverse annate: noi abbiamo assaporato il 21 e il 16. Il metodo di produzione è uguale al Cognac.

Altro vino assaggiato è il Barolo Castiglione, 14% di vol, appartenente alla casa di produzione Vietti. È un vino dal sapore intenso e persistente con una vinificazione 100% acciaio.

Un bicchiere anche del vino toscano della Tenuta di Biserno, una proprietà di 90 ettari ubicata nella zona alta della Maremma Toscana, situata tra le colline di Bibbona.

Biserno

Per concludere abbiamo anche assaggiato un vino tedesco Kerner, nato in Germania da August Herold. Azienda produttrice è la Manni Nössing. È un vino aromatico a bacca bianca, coltivato in Germania, Austria, Svizzera e in Italia(in Alto Adige). Ha ottenuto la Denominazione di origine controllata (Doc) nel 1993. Vino particolarissimo dall’odore delicato e seducente.

Tra gli altri presenti anche la piemontese Villa Sparina, Hauner Carlo che ha sede nell’isola di Salina, la toscana Le Macchiole, l’azienda vitivinicola del Friuli Venezia Giulia Villa Russiz, Peter Dipoli, Petrolo, Tenuta di Campo di SassoTerre Nere, Terzavia , Samaroli, e molte altre ancora.

Per visionare alcuni dei nostri scatti cliccate qui.

Commenta l'articolo