Merano Wine Festival: l’ evento più esclusivo del mondo del vino.

di

Merano Wine Festival

Si terrà dal 9 al 12 novembre, in centro a Merano, nelle maestose sale del Kurhaus, elegante edificio storico nel pieno centro della città, la ventunesima edizione del Merano Wine Festival.
Evento dal successo ormai consolidato,anche quest’anno proporrà un ricco programma tra eventi e degustazioni.
Ad inaugurare questa nuova edizione, venerdì 9 ottobre sarà bio&dynamica, un’intera giornata dedicata all’approfondimento di questa nuova tendenza celebrando i migliori vini biologici, biodinamici e naturali.

La rassegna vedrà in degustazione nelle giornate di sabato domenica e lunedì, una selezione di più di 300 vini italiani e di oltre 120 aziende vitivinicole provenienti dalla più importanti zone enologiche della Bulgaria, Germania, Croazia, Francia, Nuova Zelanda, Austria, Slovenia, Spagna, Sudafrica e Stati Uniti. Ben nove commissioni d’assaggio hanno lavorato per scegliere le eccellenze del panorama italiano da presentare e per far conoscere come, anche nel resto del mondo, il vino stia raggiungendo livelli qualitativi ottimi.
Verranno poi proposte prestigiose degustazioni come la verticale di Amaroni “Romano Dal Forno” o “Berncasteler Doctor” dell’azienda Dr. WWe. Thanish (Germania), uno dei 10 Crus più importanti nel mondo. Ma anche Massetto, Ferrari e molti altri.

Il Merano Wine Festival però non è solo vino. La tensostruttura collegata al Kurhaus ospiterà Culinaria, un centinaio di selezionati “artigiani del gusto” con il meglio della produzione nazionale di olio, aceto pasta, formaggi, salumi e cioccolato, mentre la “GourmetArena” vedrà la sfida di 13 affermati chef di ristoranti, relais, e alberghi di lusso che presenteranno nuovi piatti il cui tema sarà l’Ecosostenibilità.

Un programma fittissimo, consultabile al sito www.meranowinefestival.com ideato e curato da Helmuth Köcher per celebrare il meglio della produzione enologica nazionale ed internazionali ed un’occasione per raccogliere fondi per i terremotati dell’Aquila e dell’Emilia a cui saranno devoluti i proventi delle degustazioni.

Commenta l'articolo