Vino rosso e Alzheimer: cosa li accomuna?

di

vino malattie

Gli amanti del vino e i detti popolari ricordano che “un bicchiere al giorno toglie il medico di torno”, poi ancora “il vino fa buon sangue”.
Ma la scienza, invece, aggiunge che il vino fa buona memoria. Il merito va al resveratrolo, utile contro malattie come l’Alzheimer.

La Georgetown University sta promuovendo una ricerca proprio centrata sul resveratrolo, sostanza contenuta nell’uva (e poi nel vino) ed al centro di una guerra tra scienziati.
Alcuni scienziati sostengono che il resveratrolo avrebbe delle proprietà davvero ottime al fine di prevenire disturbi di vario genere, anche le malattie più incurabili come il cancro.
Altri scienziati invece, completamente contrari, sostengono che questa sostanza sia soltanto al centro di una campagna di promozione finalizzata alle vendite da parte di aziende farmaceutiche, ma che nella realtà non ha questi grandi “poteri”.

In cerca di risposte, gli scienziati si sono messi al lavoro cercando di capire dove stia la ragione, studiando l’effetto del resveratrolo sulla demenza.

La prima fase dello studio ha avuto esito positivo, ed è così iniziata la seconda fase. Alcuni volontari malati di Alzheimer si sono resi disponibili ad assumere, nelle quantità indicate alcune dosi di resveratrolo.
Soltanto alla fine le analisi mediche verificheranno l’efficacia contro la malattia e la tolleranza del corpo umano alla sostanza.

Ci auguriamo di avere notizie al più presto!

Commenta l'articolo