I produttori vinicoli possono ancora prescindere dal web?

di

marketing_vino

Negli ultimi mesi stiamo assistendo ad un radicale cambiamento che sta rimescolando tutte le regole del marketing del vino cui abbiamo assistito finora.

Paradossalmente il web ci fa tornare indietro nel tempo, annulla le distanze e riabilita il rapporto umano. Il produttore vinicolo del ventunesimo secolo ha molto più in comune con il contadino del diciannovesimo che con il suo collega del ventesimo secolo.

Con l’affermarsi dei social infatti stiamo assistendo ad un destrutturamento informativo all’interno della supply chain nel quale torna ad esserci un rapporto “personale” tra produttore e consumatore.

Un gioco che può addirittura invertire le regole: sempre più spesso infatti è il consumatore stesso che ricerca il produttore più che il contrario.

Secondo uno studio svolto da Accenture su 1.000 consumatori di 10 paesi diversi solo il 15% degli intervistati chiede informazioni ad un commesso prima di acquistare un prodotto, mentre il 73% usa lo smartphone per navigare in rete e trovare le informazioni di cui necessita.

Da questo dato possiamo trarre due conclusioni:

  1. non si può prescindere dal web, se un’azienda non è sul web non esiste!
  2. bisogna avere molta cura dell’immagine che si da di se stessi online.

Il sito, la pagina facebook sono il biglietto da visita del produttore, la prima fonte di informazione per i clienti acquisiti e potenziali, ed è quindi fondamentale fornire tutte le informazioni necessarie, dalla lavorazione alla produzione.
La sincerità è la migliore arma nel web, il segreto per la costruzione di un rapporto di fiducia e la fidelizzazione di una community che, se soddisfatta, sarà portata non solo a scegliere il prodotto, ma a parlare positivamente del brand, portando così nuovi consumatori.
Un cambiamento profondo marcato negli ultimi mesi dal moltiplicarsi delle applicazioni mobile che offrono descrizioni e recensioni e sui vini in commercio, ma di questo parleremo la prossima volta.

Credit for image: www.showbar.it

Commenta l'articolo